Visita guidata Terme di Caracalla Roma

Le Thermae Antoninianae, uno dei più grandi e meglio conservati complessi termali dell’antichità, furono costruite nella parte meridionale della città per iniziativa di Caracalla, che dedicò l’edificio centrale nel 216 d.C. Rappresentano uno dei rari casi in cui è possibile ricostruire, sia pure in parte, il programma decorativo originario. Le fonti scritte parlano di enormi colonne di pietra, pavimentazione in marmi colorati orientali, mosaici di pasta vitrea e marmi alle pareti, stucchi dipinti e centinaia di statue e gruppi colossali, sia nelle
nicchie delle pareti degli ambienti, sia nelle sale più importanti e nei giardini. Per l’approvvigionamento idrico fu creato un ramo speciale dell’Acqua Marcia, l’Aqua Antoniniana. Restaurato più volte, l’impianto termale cessò di funzionare nel 537 d.C.

La visita è stata l’occasione per fare un viaggio nel tempo, cioè attraverso la quarta dimensione: le Terme di Caracalla rappresentano infatti il primo grande sito archeologico italiano interamente fruibile in 3D. La realtà virtuale ci ha permesso di vedere le Terme non solo come sono oggi, ma come erano al momento della loro inaugurazione. La visita virtuale si è articolata in dieci capitoli, che corrispondono ad altrettanti spazi dell’impianto e coprono tutte le aree delle Terme di Caracalla, svelandone le varie funzioni
e restituendo un’immagine completa del monumento.

Si ringrazia in modo particolare Daniela, la guida esperta che accompagna sempre le nostre visite, e tutti i partecipanti. All’esterno delle terme il gruppo ha assistito anche all’arrivo del giro d’Italia nella capitale.

Arrivederci alla prossima iniziativa.

Il responsabile della sezione