Atletica: Le nuove divise alla Sarnico-Lovere Run 2018

Scritto da Gian Paolo Salvetti

La Sarnico Lovere Run, giunta quest’anno alla sua ottava edizione, rappresenta per gli appassionati del mondo del running l’appuntamento ormai ‘fisso’ ed imperdibile della stagione primaverile. Chi vi partecipa è animato dalle più svariate ragioni: c’è che utilizza il tracciato dei 25 km. per collaudare le gambe e testare la condizione in vista degli importanti obbiettivi, su più lunghe distanze, in programma nei mesi di maggio – giugno– luglio (principalmente, maratone, LUT, GTO); c’è chi, ormai specialista o corridore abituale della mezza maratona, la considera un buon test per misurare la propria capacità di tenuta e di gestione della gara su un percorso poco più lungo dei 21,097 km; c’è chi, invece, vi prende parte senza particolari velleità agonistiche, con spirito ludico e con il desiderio di concludere ‘semplicemente’ la gara tagliando il traguardo nell’accogliente Porto Turistico di Lovere gremito di folla festante e chiassosa all’arrivo degli atleti.

img_6090

img_6091

 

 

 

 

 

 

 

L’elemento comune che spinge la comunità dei runners a partecipare a questo evento è la possibilità di vivere, per un’intera mattinata, l’esperienza della corsa in un contesto urbano, paesaggistico e naturale di rara bellezza e suggestione: la partenza lungo la storica via XX settembre a Sarnico, il percorso che si snoda poi sulla sponda sinistra del lago d’Iseo caratterizzata dalla presenza di dolci e lunghe discese e tratti di strada più impegnativi con lievi salite, di piccoli paesi / borghi che si affacciano sulla riva, dal susseguirsi di gallerie permeate di aria fresca e corroborante, delle rocce che si conficcano a strapiombo nel Sebino e che si stagliano imperiose davanti agli occhi del runner lungo gli ultimi km. che precedono l’arrivo. Questi fattori regalano ai podisti emozioni incredibili e contribuiscono a mitigare e a rendere più lieve lo sforzo e la fatica da sostenere per concludere questa gara che è e resta unica nel suo genere – assieme a poche altre – nel panorama podistico lombardo (se non addirittura nazionale).

img_6093img_6094

 

 

 

 

 

 

 

 

Ai ‘blocchi’ di partenza, tra gli oltre 4.000 partecipanti all’evento, un nutrito gruppo di atleti della nostra squadra (ben 31, record assoluto di iscritti ad una competizione mai registrato sin dai tempi della costituzione della nostra Sezione di atletica) ha preso parte alla gara con il consueto spirito pugnace e battagliero, nonostante le condizioni meteo non proprio ideali per esprimere al meglio la performance. L’occasione è risultata, tra l’altro, propizia per consentire al gruppo di sfoggiare la nuova divisa sociale, di color bianco rosso, che ha sostituito la gloriosa ‘casacca’ rosso integrale che ha accompagnato e connotato nel passato i tanti successi conseguiti dai nostri atleti nei campionati italiani interbancari ed assicurativi. Ci auguriamo che la Sarnico Lovere Run possa rappresentare il viatico per un futuro di successi e molteplici soddisfazioni, personali e di squadra (a giudicare dai risultati ottenuti da alcuni di noi, parrebbe proprio di si).

La gara è stata dura ed impegnativa per tutti: un caldo insolito ha colto di sorpresa i partecipanti, costringendoli ad esprimere il meglio delle proprie capacità / potenzialità (sia fisiche che mentali) per far fronte e sopperire ai diversi problemi insorti nel durante (crampi, disidratazione, crisi digestive, ecc.). In merito a questo aspetto, un particolare plauso va riconosciuto all’ottima organizzazione della manifestazione che ha allestito e messo a disposizione degli atleti diversi e ricchi punti di ristoro nonché spugnaggi (preziosissimo il pit-stop allestito per il 23mo km., benedetto dai runners come una manna caduta dal cielo). Nonostante le difficoltà tutti gli atleti della nostra squadra hanno portato a termine la gara . Degne di nota e di encomio le prestazioni della nostra Claudia Ghilardi (premiata come 1° di categoria, a riprova di uno stato di forma e un trend positivo di risultati che si protrae già da lungo tempo) ed il nostro Marco Albini, giunto 38mo nella classifica generale (atleta affermato e destinato ad un futuro ancor più radioso nella disciplina della corsa su strada).

 

img_6088

A tutti vanno i complimenti per il risultato ottenuto e l’incoraggiamento a proseguire, con ferma determinazione e costante impegno, il cammino verso i prossimi obiettivi previsti dal programma annuale.

Buone corse!